Genova, la mia città e i suoi angoli nascosti

Oggi ti porto con me alla scoperta di angoli nascosti della mia splendida città: La Superba Genova.

E non si chiama mica così a caso! Ogni tanto ne scopro qualche piccola parte che, con la fretta, sfugge.

Mio papà è nato in uno dei più famosi “caruggi” di Genova: Via di Pré e il centro storico è da sempre casa sua. In un pomeriggio di Luglio mi ha guidata alla scoperta di “creuze”, quelle di cui cantava De Andrè, e piccole piazzette mai viste prima.

Hai messo le tue scarpe comode?

CIMG3693

Iniziamo da Largo della Zecca, da qui partono l’elegantissima Via Cairoli che sfocia in Via Garibaldi e poco più avanti si trova Piazza della Nunziata. Queste zone ospitano palazzi signorili, spesso sconosciuti rispetto ai famosissimi palazzi di Via Garibaldi.

Ovviamente non percorriamo la strada più ovvia, con mio papà non succede mai, e ci infiliamo in un vicoletto che ospita l’ingresso della funicolare di Genova che porta in zona Castelletto da cui si gode di una vista mozzafiato della città. Ma questa è un’altra storia…

Raggiungiamo l’antichissima Piazzetta del Carmine, era da un po’ che volevo curiosare nell’antico Mercato Comunale rimesso a nuovo e … una mezza delusione, fatta eccezione per la struttura che ha mantenuto l’aspetto di una volta. Il tanto pubblicizzato mercato a KM 0 è praticamente inesistente, ma mi sono, finalmente, tolta la curiosità.

2016-17-8--23-50-25

Proseguiamo verso monte e ci inerpichiamo su per Salita S. Bernardino e tagliamo Vico dello Zucchero e Vico della Fragola per arrivare in Vico del Cioccolatte. Giuro, non me lo sono inventata! Controllate su Google Maps!

Il mio papà,  lungo la strada, mi elenca tutte le antiche botteghe ormai scomparse e, se si cammina con la testa per aria, si vedono le antiche teche contenenti Santi e Madonne che servivano a protezione della città. Arriviamo al Passo della Giuggiola e dell’Olivella, due scorci davvero suggestivi. Qui, dei vecchi ulivi da cui prende il nome una delle due creuze, ne rimangono solo due, suggestivi e maestosi, bellissimi!

Proseguiamo salendo ancora e arriviamo agli elegantissimi Giardini Maestri del Lavoro. Qui si trovano palazzi signorili dagli splendidi terrazzi che ricordano gli antichi splendori della città. Ci lasciamo alle spalle l’antica e maestosa architettura dell’Albergo dei Poveri: maestosa struttura cominciata nella seconda metà del 1600 per ospitare i poveri, appunto, della città. Per tutta una serie di vicissitudini storiche, tra cui anche la peste, i poveri non li ospitò mai e ora è sede dell’Università di Genova. Ridiscendiamo verso Piazza della Nunziata e incontriamo una chiesa che è un gioiello: Nostra Signora del Carmine.

La Chiesa originale fu cominciata nel 1200 e subì negli anni diverse modifiche strutturali. L’interno sorprende con le sue tre navate e splendide vetrate colorate, direi, uniche a Genova. Il classico binomio bianco e nero cede il passo al legno azzurro delle colonnine che cingono l’altare e che contraddistinguono l’insolito leggìo. Insomma, se passi di qui, entra, ti lascerà a bocca aperta!

E qui arriva il bello… e si, perché per raggiungere Via di Pré ci infiliamo in un vicolo che neanche sapevo esistesse: Vico Nuovo a cui seguono Vico di Santa Fede e Vico del Pozzo. In alcuni tratti, se i dirimpettai si affacciassero, si stringerebbero la mano dalla finestra!

Ed eccoci nel cuore di Via di Pré, una volta sede di botteghe storiche, qui si vendevano le spezie che arrivavano via mare e oggi è un fiorire di negozietti multietnici.

Se prosegui verso Ponente, incroci Vico dell’Amore e fai attenzione, se cerchi bene, a Genova trovi anche Vico dell’Amor Perfetto!

Un’antichissima scala dove, mio padre racconta che quando era bambino una vecchia signora vendeva i limoni, ci conduce in Piazza dello Statuto dove ci aspetta un altro mercato comunale al coperto di quelli che tanto piacciono a me!

E per oggi il nostro giro termina in Via Gramsci dove prendiamo il bus per le nostre rispettive casette!

Come dico sempre, Genova non è Firenze dove le meraviglie della città ti vengono incontro, ma se la giri con un genovese, promette miracoli! Qui sotto trovi la mappetta per ripercorrere la mia passeggiata!

Genova, la mia città e i suoi angoli anscosti mappa

Conoscevi questi angoli di Genova?

Ne hai altri da suggerirmi? prendo la macchina fotografica e vado!

Baci

Lauracropped-lips-1213162_1280-e1508253420901

Rispondi